Torte e biscotti
Comments 24

Cheese cake zafferano e doppia salsa (e il calore di casa)

Ieri sera è venuta una coppia di amici a cena. Ci siamo davvero divertiti e dato che avevo cucinato come una disgraziata, posso affermare che ci siamo anche abbuffati come si deve. Tra una risata e l’altra riflettevo sul fatto che nessun altro luogo al mondo abbia il calore di questa casa, non solo perchè ci sono 35 gradi costanti ovunque (tranne che in camera da letto, dove se ne registrano circa 2, per una ragione ignota e misteriosa), ma per il senso di benessere e tranquillità che mi infonde stare tra queste mura. Cammino per tutte le stanze con le mie calze con i gatti e tenuta ‘non uscire altrimenti ti fanno internare’, con i capelli raccolti in una assurda coda (a metà tra alta e bassa e pure spelacchiata), struccata oppure ‘truccata-post uscita’ cioè con il notissimo effetto ‘panda chic’ e nessuno, dico nessuno, può dire assolutamente un accidente di niente. Io sono qui e non esiste anima viva che possa occuparsi dei fatti miei e del mio aspetto vagamente trasandato. Del resto, nemmeno quando mi infighetto alla stragrande nessuno può vedere le smorfie che produco davanti allo specchio, nè persona può osservarmi mentre  saltello per la casa tutta insaponata per riattivare lo scaldabagno in stand by. Elogio dunque a queste mura, che proteggono le mia azioni più perverse e indecenti (il gorgonzola sul pane croccante di mezzanotte) e che mi fanno sentire amata, anche quando non c’è anima viva.

CON QUESTA RICETTA PARTECIPO AL CONTEST DI CINZIA e VALENTINAColors and Food, what else?

CHEESE CAKE ALLO ZAFFERANO CON DOPPIA SALSA – lampone e caramello

250 gr di biscotti secchi (i classici sono i Digestive, ma io ho usato le Macine)

150 gr di burro

2 cucchiai di zucchero di canna

700 gr di formaggio cremoso

3 uova

20 gr di maizena

1/2 limone

1 bustina di zafferano

100 ml di panna fresca da montare + 100 ml

100 gr di zucchero + 100 gr + 50 gr

1 cestino di lamponi

Preparare la base della torta tritando finemente i biscotti ed unendoli poi al burro fuso e a 2 cucchiai di zucchero di canna. Mischiare bene il tutto. Imburrare uno stampo da torta a cerniera e foderarne il bordo e la base con uno strato di composto di biscotto. Lasciar riposare un’ora in frigo. In una capiente ciotola unire le uova a 100 gr di zucchero, sbatterli bene e poi aggiungere il formaggio. Amalgamare a lungo gli ingredienti. Scaldare lievemente la panna e sciogliervi dentro lo zafferano. Lasciar raffreddare qualche minuto ed aggiungere al composto, insieme alla maizena, il succo del limone e ad una presa di sale. Farcire la base di biscotto con questo impasto e porre in forno caldo a 180° per 30 minuti. Trascorsa la mezz’ora abbassare il forno a 160° e se la torta scurisce troppo, coprirla con un foglio di carta di alluminio. Cuocere per altri 30 minuti. Una volta pronta la torta l’ho fatta raffreddare e poi l’ho messa in frigo. A parte ho preparato le due salse, con cui ho servito la torta: per quella al caramello ho lasciato arroventare un pentolino, dentro al quale ho messo 100 gr zucchero che ho fatto sciogliere continuando a mescolare. Una volta pronto ho aggiunto 50 ml di panna. Qui si fa dura, nel senso che bisogna darsi da fare a mescolare lo zucchero fuso e la panna. Anche se all’inizio lo zucchero si raggruma, continuando a mescolare alla fine si scioglie (può aiutare mescolarlo tenendo il tutto sul fuoco a bagno maria). Per la salsa ai lamponi: li ho lavati e messi in un pentolino, ho aggiunto 50 gr di zucchero e ho fatto cuocere per circa 15 minuti. Ho aggiunto la panna e frullato il tutto. La salsa al caramello si conserva diversi giorni in frigo, ma tende a solidificare, prima di usarla occorre quindi farla sciogliere un po’ scaldandola a bagno maria.

Annunci

24 Comments

  1. casa dolce casa…anche io a volte ho delle mise un pò terribili, che però mi fanno sentire perfettamente a mio agio. Viva le nostre calde e rassicuranti 4 mura!
    E viva il tuo cheese cake, mannaggia da quanto non ne faccio uno?!
    Bacioni

  2. già già già mia cara! Viva le 4 mura che ci lasciano essere noi stesse sempre fino in fondo, e nonostante la tenuta indecente e i piccoli peccatucci che ci concediamo alle ore più improbabili, la nostra bella casina non ci abbandona mai ;)
    Un bacio e ottima scelta di mettere lo zafferano nel cheese cake! baciio

  3. ahahaha non dirlo a me! dovresti vedermi ora!!!! che belle le case cosi accoglienti :) originale questa cheesecake! bacione

  4. Posso trasferirimi a casa tua? Io 35 gradi me li sogno…giusto in estate…santa estate! Ho una casa che in inverno non si scalda neanche a pregare in turco e in questo periodo sembro la nonna di mia nonna per come giro conciata!!! meno male non mi vede nessuno :))
    Non so qual’era il resto del menù ma di certo i tuoi amici si sono leccati baffi e controbaffi col dolce! Goduria pura la tua cheesecake. Un bacione, buona settimana

  5. Ciao cara, come stai? Non ho fatto in tempo a commentare i tuoi post precedenti ma li ho letti!!! Secondo me l’abbraccio di una casa è fondamentale, perchè è fondamentale il senso di amore che puoi trovare nel tuo rifugio. La tua crema al caramello ha una faccetta assolutamente irresistibile. Un bacione

  6. stella says

    Ciao infighettata, i tuoi racconti mi fanno sempre morire dal ridere.
    Ma lo sai che dopo la fatica per Montersino mi era venuta in mente anche a me di fare una cheesecake allo zafferano per la Cinzietta? Ma poi ci ho ripensato, com’è?

  7. Adoro amo sono la mia passione i cheesec cake e questo lo trovo particolarmente godurioso e ricco!!!La tua casa è decisamnete super accogliente!!Baci,imma

  8. ecco la tua ricetta con lo zafferano! ma è deliziosa questa cheesecake!!
    ti dico la verità, io negli ultimi giorni causa neve andavo anche in giro in versione casalinga :D
    Un bacione mia cara e buona settimana!

  9. che nostalgia la mia casa da “quasi” single (c’erano anche una figlia e un gatto..): stavo da dio! vabbè…mi piace il tuo cheesecake solare !!!

  10. La bellezza di stare fra le 4 mura domestiche al sicuro da sguardi indiscreti, ci permette di fare quanto da te descritto, ma pure di peggio.
    Io vago con il fango addosso e non si sa quanta pellicola arrotolata più asciugamanone.
    Molti si stressano io mi rilasso, mi spalmo poi nel lettone e guardo la tv per un’ora, poi doccia.
    Con questa scusa mi ritaglio un’oretta e mezza tutta per me.
    Ma la marca della passata te la dico qui o quando ci si vede al CioccolaTò???
    Dai spettegoliamo lààààààà !!!
    Vieni vero???
    Ciao abbraccione ed un baciotto, Ornella.

  11. ed eccomi, Mari!! Apro solov oggi la posta dopo una domenica sera di “black-out” dall’etere blogger :)
    Che bello questo tuo mini spaccato di vita casalinga :) non ti sto a raccontare come mi combino io, appena riesco a rientrare dopo una giornata: pantalomi -i più “molli” che ho-, pinzaraccattacapelli, pile senza più forma… e se posso, non esco di casa la domenica, mi rintano a cucinare come una matta.
    E questa tua cheese cake è davvero intrigante presentata con queste due salse, un vero omaggio alle gole più esigenti, a cui io non sfuggo certo!
    Un bacione, a prestissimo!!
    E grazie di avermi onorato anche questa votla con la tua partecipazione :-*

  12. Questo dolce è una poesia, davvero brava!! a me i cheese cake non danno mai il risultato atteso, guardo al tuo con ammirazione,,,è perfetto!
    buona settimana, Vale

  13. Per me puoi fare quello vuoi pure davanti a me… ma se in cambio mi dai una fetta di questa cheesecake, otterrai la mia omertà a vita!
    Comunque confermo il calore inumano di casa tua, specialmente nel bagno … O___O

  14. Matteo says

    Beh la tua casa è davvero molto carina….e quel cheese cake ha un aspetto assolutamente eccezionale.

  15. casa dolce casa, non per niente, per poter fare e dire quel che ci pare; ti capisco anche io amo respirare la libertà che mi regalano le mie quattro mura. come hai detto tu. soprattutto quando si cucina come una disgraziata!! bellissimo cheesecake, posso adire che non hai utilizzato il philadelphia e per questo mi piace moltissimo di più?

  16. anche io adoro stare a casa con gli amici e quando non posso farlo ne soffro un po’, sarà pure che sono un po’ pigro e che l’età avanza ma adoro stare in casa al calduccio :)
    ps ti ho letto nella pausa pranzo e mi hai messo una voglia esagerata di cheesecake!

  17. Come ti capisco!! anche per me è così le mura di questa casa, con tutti i suoi difetti, sono il rifugio più bello che ho, qui posso restare come mi pare e se anche sono impresentabile e suonano alla porta, faccio finta di essere fuori:P
    Ottima la tua cheese cake!!

  18. Mi piacerebbe poter dire lo stesso delle mie quattro mura, ma a parte che continuano a cambiare ogni sei mesi, che non sono mai sola ma mi alterno tra svariati compagni di casa più o meno piacevoli, alcuni anche seriamente fuori di testa, che le 4 mura in cui mi trovo al momento servono a ben poco visto che la temperatura in casa è equiparabile a quella esterna, a parte tutto, mi piacerebbe poter dire che sono le “mie” quattro mura :(!! Fammi consolare con la tua cheesecake, và!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...