Antipasti
Comment 1

Macarons salati (e abbandono)

Perchè una ragazza si mette a fare Macarons Salati in un caldissimo pomeriggio di primavera? Forse ispirata dal sole e dalla sua luce oppure dal cinguettio degli uccellini innamorati? No, si mette a fare Macarons salati perchè è stata scaricata dal suo orribile fidanzato, senza alcun preavviso e nel modo più fetente e vile possibile! E’ una storia lunga, che non si scorda velocemente e senza dolore, quindi i Macarons Salati sono stati un valido supporto psicologico immediatamente dopo aver visto il vile prendere le sue valigie ed uscire per sempre dalla mia vita. Tiè, i Macarons li mangio da sola! Bene, proprio bello mangiare Macarons da sola, nella mia cucina con gli uccellini che cinguettano innamorati. La verità è che spero che si lascino anche loro e cinguettino per la disperazione. Sono una single di trent’anni, ho due gatti e so cucinare. I gatti ok, ma essere single non mi piace per niente. E comunque, chi cavolo aveva previsto che sarebbe andata in questo modo? Perchè alcuni scordano in un secondo tutte le cose venute prima? 


MACARONS SALATI

Pane per tramezzini

Formaggio cremoso (Phil)

Curcuma (o zafferano)

1/2 barbabietola cotta

Semi di sesamo

Basilico

Olio, sale e pepe

Con un micro-coppapasta o con un bicchiere ricavare dei dischetti dal pane per tramezzini. Per agevolare l’operazione è possibile spennellare la superficie del pane con poco (pochissimo) latte. Questo dovrebbe rendere i bordi dei cerchi più regolari e definiti, ma dipende molto dalla marca di pane utilizzato. L’ideale sarebbe farselo in casa, ma io ero troppo impegnata a commiserare la mia solitudine. A questo punto dividere il formaggio in tre parti. Alla prima aggiungere la curcuma a pizzichi, fino ad ottenere il colore della densità desiderata, ma senza rendere il tramezzino degno di un kebabbaro. Condire con pepe e sale. Le altre due metà vanno frullate, una con la barbabietola, l’altra con le foglie di basilico ben lavate (e qui si deve esagerare per ottenere un bel verde). Condire con pochissimo olio, sale e pepe. Comporre quindi i Macarons (e ci vuole una santa pazienza…) io consiglio di riempire una sache à poche, un composto alla volta, e di cospargere ogni dischetto con una delle salse. Coprire poi le tartine con un secondo dischetto. Inumidire leggermente la superficie di ogni macarons con del latte e spolverare di semi di sesamo.

 

Advertisements

1 commento

  1. I leave a response each time I appreciate a post on a site or if I have something to
    add to the discussion. It’s triggered by the fire displayed in the article I looked at. And after this post Macarons salati (e abbandono) Chat à poche. I was actually excited enough to post a thought :-P I actually do have a couple of questions for you if you do not mind. Is it only me or do some of these remarks look like they are coming from brain dead individuals? :-P And, if you are writing at additional places, I would like to follow anything fresh you have to post. Could you list every one of your public pages like your linkedin profile, Facebook page or twitter feed?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...