All posts filed under: Torte e biscotti

Un brunch in coppia (e capire gli uomini nel profondo)

Ieri pomeriggio ho accompagnato l’amico speciale all’Ikea. Lui con 146 € ha arredato mezza casa, io con 46 € ho comprato le solite 60 candele alla Vaniglia che si aggiungono alle 60 alla Cannella che già avevo (ah, anche presi i tovaglioli colorati in offerta, verde pastello mi mancavano.. prese le patatine, perfette per la mia dieta, mmm, già). Nonostante le due ore di cammino tra divani, salotti e ricostruzione di case di 20 mq con cucina, bagno, salotto in camera da letto e cabina armadio compresi, non siamo riusciti a scegliere le lampade perché tra quelle offerte non c’era proprio una plafoniera che ci convincesse. Ancora a metà giro e troppo spavaldamente, ho detto: ‘Tranquillo, al LeRoyMerlin le troviamo di sicuro!’, scordandomi subitamente questa affermazione. Abbiamo pagato che ormai erano le 19,  mi sono infilata in macchina dopo averla caricata (insomma, assistendo il caricatore ufficiale, diciamo) sudaticcia e stanca morta e molto provata per aver rinunciato agli hot dog, alle polpette svedesi e al salmone marinato, e pregustando doccia tiepida, incremata generale, cenetta, divano e tv. …

Torta ripiena con fiori di menta e monologo

‘Mari, ma la lavastoviglie è piena di roba sporca o pulita?’ Un uomo con un piatto da lavare in mano apre la mia lavastoviglie, solo dopo aver fatto la domanda, la richiude e ripete:  ‘Mari, ma la lavastoviglie è piena di roba sporca o pulita?’. ‘Scusa, ma non hai semplicemente visto se le stoviglie sono da lavare o no? Certo, bisogna avviarla, è piena di piatti sporchi!’ ‘Mari, ma i tuoi piatti sono puliti anche da sporchi, ecchevvuoi da me? Guarda, guarda questo bicchiere… ti pare sporco?’ -‘Se guardi i bicchieri dell’acqua è ovvio che non capisci! Guarda la pentola!’ – ‘Quale di preciso?’ -‘Quella che sta nel baule delle mia macchina….’ -‘Ah, allora il piatto per il momento lo appoggio nel lavandino’. L’uomo in questione trotterella sereno verso il divano e mi lascia col mio piatto a domandarmi se è una tattica per non riempire la lavastoviglie oppure se nella testa ha tanti sonagli che scodinzolano la Lambada al posto di un cervello vero. Però, incredibile, l’uomo in questione mi fa sorridere. Un tempo …

Benzina, crisi e dolci aperitivi :)

Come credo molti di voi sappiano già, io lavoro piuttosto lontano da casa. Piuttosto, piuttosto: diciamo un 140 km al giorno tra andare e tornare. Con i tempi che corrono fare benzina equivale ad affrontare un investimento di quelli seri, pensate che per fare il pieno alla mia macchina ormai occorrono una novantina di euro (e lasciamo perdere tutte le equivalenze possibili per il mio benessere psico-fisico: 4 settimane di investimento serio in gasolio equivalgono ad 1 borsa di Gucci, cioè 12 borse nuove all’anno; in alternativa alle borse, in 4 anni potrei anche comodamente comprare un solitario di Tiffany, 1 carato minimo). Vista l’enorme crisi economica che sta colpendo anche il mio nucleo familiare, cioè me, per risparmiare ho dovuto prendere in considerazione l’opzione di farmi benzina da sola, mentre fino ad oggi ho sempre evitato molto accuratamente questa possibilità, schivando la parola Self Service come la peste: il distributore di benzina, ossia lo scatolone che segna i litri, i soldi che stanno per rapinarti e che ha la pompa inserita sul fianco destro, …

Buon comple’ano’ chatapoche

Già, buon comple’ano’: a volte è proprio grazie al fatto di averla presa sonoramente in quel posto che capitano le cose migliori, adesso lo so e prometto di non scordarlo mai. Un anno fa ero seduta esattamente dove mi trovo ora con un mattone di 200 kg sul cuore e un giramento di palle talmente forte, ma talmente forte, da far mancare il fiato: stesso giorno, stessa ora, fumate 200(mila) sigarette e lanciato bicchiere contro un muro. Adesso sorseggio beata il mio Berlucchi e sono scesa a 200 sigarette. Oggi sorseggio e osservo orgogliosa le mie cicatrici, le mie foto di torte, il mio blog rosa confetto e mi congratulo  con me stessa per il bene che mi hanno dimostrato le persone in questi ultimi 365 giorni e mi congratulo soprattutto per essere sopravvissuta sana e felice, che non è mica una cosa da poco. – Mamma e papà: presentissimi e così incasinati, da avermi spesso fatto scordare i miei problemi, avendone una quantità discreta dei vostri da analizzare. Metodo alternativo, ma molto efficace. Oltretutto, …

44 gatti e 4 blogger :)

Per la prima volta partecipo ad un menù a 4 mani. A parte il fatto che quando ho letto la mail di Cinzia che mi invitata a partecipare con lei Paola e Kika, proprio non potevo crederci, mi sono ritrovata a dover scegliere una ricetta che c’entrasse in qualche modo con Un menù d’oro zecchino, con evidente richiamo allo Zecchino d’oro. Mi si sono materializzati sotto gli occhi rivoli di zucchero azzurro e cespuglietti di meringa verde, bambini canticchianti e note musicali (vabbè, non che sui bambini canticchianti tornerei volentieri) … bene, alla fine mi sono ingarbugliata nelle mie idee e l’unica soluzione ragionevole a cui io sia riuscita a pensare è stata questa: se 2 gatti mi rendono tanto allegra (i miei!), chissà 44. Ed eccovi un campione rappresentativo dei miei 44 gatti, in fila per 6 col resto di 2 :)                                                                 …